Settembre

Dai un’occhiata al Tweet di @massimo_fabiani: https://twitter.com/massimo_fabiani/status/504933004582862848

Wine Is… Food! 3.0

Immagine disegnata e creata da Francesca Ballarini….
Ci vediamo a Settembre!

wisf1

Noi ci mettiamo la faccia

Noi ci mettiamo la faccia…
È questa la nostra garanzia, la nostra professionalità,  la nostra competenza e la nostra passione,  che cerchiamo di condividere con tutti voi.

faccia1

Massimo Fabiani

 

 

Per Noi tutto questo è:
“Wine Is…Food! 3.0”
 
….perché non si può vivere senza poesia, senza colori e senza amore….
 

L’Estate stenta ad arrivare e Noi abbiamo cercato nel nostro piccolo di scrivere degli articoli che speriamo vi possano far passare qualche minuto in tranquillità e felicità,  insieme ad un buon bicchiere di vino ( se bollivine ancor meglio…..) e un ottimo sigaro ( scegliete voi quale preferite di più, Io amo il mio Montecristo Especial No.2 ….. ) davanti allo spettacolo che la natura ci regala in ogni angolo del nostro pianeta.

Umberto Fabiani

Umberto Fabiani

 

 

 

Mi piace viaggiare con la mente e pensare che ognuno di Voi possa trovare in un argomento, in una frase oppure in una immagine la felicità e il bello che ci circonda….

“PERCHE’ È IL SENSO DEL BELLO CHE SALVERA’ IL MONDO….”

Ci stiamo preparando per un Autunno – Inverno molto interessante e pieno di magnifiche novità, stiamo esaminando tutti insieme delle nuove opportunità di collaborazione e di nuovi orizzonti lavorativi, ci saranno new-entry, anche nuove sessioni, una nuova grafica e finalmente il blog prenderà il nome che merita: “wineisfood.blogspot.com”.
Stiamo studiando insieme al nostro grafico un nuovo logo, un nuovo sito rielaborato avremo il piacere di trovare una location dove potervi incontrare di persona, finalmente partirà il lancio delle Tessere di Wine Is…Food! 3.0,  insomma il viaggio è solo all’inizio…

Francesco Bisaglia

Francesco Bisaglia

 

Matteo Tassi

Matteo Tassi

 

Sara Tomei

Sara Tomei

 

Stefano Annicelli

Stefano Annicelli

 

faccia7

Stefano Mollaioli

 

Marco Sargentini

Marco Sargentini

 

Claudio Sargentini

Claudio Sargentini

 

Vincenzo "Loki" Loccisano

Vincenzo “Loki” Loccisano

 E' la nuova New-Entry di Settembre!

E’ la nuova New-Entry di Settembre!

Vi lascio con una frase di Papa Francesco:

“La verità,  secondo la fede cristiana,  è l’amore di Dio per noi in Gesù Cristo…. ciascuno di noi coglie la verità è la esprime a partire da sé,  dalla propria storia e cultura, dalla situazione in cui vive. La verità si dà sempre e solo come un cammino e una vita”.

Al prossimo viaggio…
Massimo Fabiani

Lokicocktail di Vincenzo “Loki” Loccisano

The Seven Thai

Rivisitazione di un grande classico tiki tra i più diffusi al mondo…. poiche’ la magia della rivoluzione sta nelle mani del Bartender…..

A base di un rum proveniente dalle isole del pacifico Seven Tiki che dona morbidezza e rotondità all opera….

4cl Seven Tiki Dark Rum

3 cl Grand Marnier

1 Tea Spoon di Orzata

1/2 tea spoon di polvere di cannella

6 cl di Melone Fresco.

Il tutto ben ammalgamato da un power shake e filtrato su un ampia coppa piena,di ghiaccio per favorire l ossigenazione!

Questo è solo l’inizio…..

cocktail2

 

Vincenzo “Loki” Loccisano.
Questo a sinistra sono IO……

Allarme obesità di Umberto Fabiani

Quell’allarme globale dell’obesità.
E’ allarme. Planetario: in tutto il mondo, gli uomini, le donne e i bambini sono sempre più grassi.
Questo è il risultato sconfortante e definitivo che, la rivista medica Lancet, ha pubblicato nel suo ultimo numero.
Lo studio è stato sviluppato analizzando i dati provenienti da 188 paesi sparsi in tutto il pianeta. Dati che si riferiscono all’ultimo trentennio dove, il dato costante è uno solo: l’aumento, senza continuità di sorta, del numero delle persone obese e sovrappeso. Nel 1980 erano 857 milioni le persone afflitte da questo grave problema, nel 2013 sono diventati 2,1 miliardi.
Il dato agghiacciante dello studio ci dice che, oggi, in tutto il globo terrestre, a essere troppo grasso è un abitante sub tre. Attenzione: questi dati non parlano (e non sono riferibili) solo ai cosiddetti paesi sviluppati. Il problema dell’obesità si sta allargando (a dismisura) anche in quelli emergenti.
Perché si sta verificando tutto questo?
La risposta a questo quesito è semplice e al tempo stesso inquietante: in nessun paese le campagne di prevenzione hanno funzionato. I ricercatori che hanno condotto lo studio aggiungono: “L’obesità è diventata una delle sfide principali per la salute mondiale”.
La ricerca fa parte del Global Burden of Disease Study, si tratta di un progetto sulla salute pubblica lanciato nel 1990 dall’Organizzazione mondiale della sanità e dalla Banca mondiale. Il progetto aveva (e ha tuttora) lo scopo di valutare il peso delle malattie sulla qualità delle nostre vite.
Sul tema specifico del sovrappeso e dell’obesità, il Global Burden of Disease Study, nel 2010 li indicava come causa di 3,4 milioni di morti in un anno. Le cause dei decessi sono attribuibili, a cause di malattie cardiovascolari, respiratorie, metaboliche, ma anche vittime di disturbi osteoarticolari, ginecologici, digestivi e di molti tipi di tumore.
Lo studio pubblicato da Lancet nel suo ultimo numero, si avvale di dati che sono stati raccolti e studiati, da circa 150 scienziati da tutto il mondo: la Fondazione Bill&Melinda Gates, ha contribuito non poco alla raccolta di questi dati che, come osservavamo all’inizio costituiscono un vero e proprio allarme. Un allarme generale perché descrivono una situazione che non fa che peggiorare.
-I numeri dell’allarme planetario
Gli adulti in sovrappeso e obesi, nell’arco di poco più di 30 anni sono passati dal 29% della popolazione maschile al 37%.
E le donne? Non stanno affatto meglio: se 30 anni fa il 30% di esse erano obese o sovrappeso ora sono al 38%.
Uno dei dati più allarmanti riguarda i bambini che vivono nei paesi più poveri: stanno rapidamente diventando sempre più grassi. Oltre a questi dati, la ricerca ha evidenziato alcuni dati record: a Tonga, il 50% degli adulti è obeso. Allargando il discorso alle sole donne, questo primato se lo sono guadagnato il Kuwait, Kiribati, Stati Federati di Micronesia, Libia, Qatar e Samoa. Tuttavia il numero più alto di obesi risiede ancora negli Stati Uniti (qui un adulto su tre è troppo grasso) ma, il triste primato è già insidiato e tallonato da paesi emergenti come India e Cina (questi due paesi insieme ospitano il 15% di tutti obesi del mondo).
Il dato che più allarma gli scienziati è quello che registra l’aumento peggiore nei paesi in via di sviluppo. A fronte di questo allarmante dato gli scienziati sottolineano una nota interessante: “Nei paesi sviluppati gli uomini sono sovrappeso più delle donne, mentre in quelli in via di sviluppo sovrappeso e obesità sono più frequenti nelle donne che negli uomini”.
Il dato è confermato dal primato di paesi come: Egitto, Arabia Saudita e Honduras. Qui le donne sono sempre più obese.
Durante le lunghe fasi dello studio, gli scienziati sono anche  riusciti a trovare una nota positiva: “Il tasso di aumento di sovrappeso e obesità è stato maggiore tra il1992 e il 2002, ma sta rallentando nell’ultimo decennio specialmente nei paesi sviluppati”.
-2025: L’Oms guida l’emergenza contro l’obesità
Il dato sottolineato dagli scienziati rifletterebbe l’interesse sottoscritto dagli stati con l’Oms. Si tratta di un impegno che, nel 2025, dovrebbe porre un freno all’emergenza in tutto il pianeta.
Tuttavia ancora non basta. E’ ancora troppo poco, almeno questo è il parere dei ricercatori che sottolineano: “A differenza degli altri rischi maggiori per la salute globale, come il tabacco e la malnutrizione infantile – spiega Emmanuela Gakidou dell’Università di Washington e firma della ricerca – l’obesità globale non sta affatto decrescendo”.
I prossimi anni dunque rivestiranno un’importanza capitale nella difficile lotta contro, la piaga globale dell’obesità.
Scritto da
Umberto Fabiani
(Fonte.:who.int;gatesfoundation;lancet;nyt;larepubblica)
Link
-who.int
-www.gatesfoundation.org

obesita2 obesita3

Atavolacon di Matteo Tassi

…. Sono molto emozionato nel preparare l’impaginazione di questo articolo di Matteo Tassi, tutti lo conoscono grazie al suo programma televisivo del Gambero Rosso Channel  “Serial Griller” ormai alla terza edizione, e non c’è persona in giro per il mondo che oggi non riconosce Matteo l’uomo del Barbecue Italiano.
Matteo gira l’Italia e il Mondo per far conoscere la sua cucina i suoi corsi di dedicati al Barbecue sono un successo di pubblico in tutta Italia, nel suo curriculum anche un libro stupendo intitolato: “IL BARBECUE” edita da Reed Gormet.

Quando ctasi1i siamo conosciuti la prima volta a Modena avevo un po’ di sano terrore, in televisione mi sembrava gigante anche se tra me e me mi dicevo è sempre  un po’ più piccolo di “Giorgione”, ma pur sempre un gigante…..
Ci siamo subito piaciuti e siamo entrati in sintonia dalla prima parola che Lui è riuscito a pronunciare in -romanesco-  “spero che sei daaa MAGGICA…..” , a quel punto è scattata una molla che ancora oggi è talmente forte che ci rende vicini anche se le nostre vite ci portano lontani uno dall’altro……

Avevo sperato che Matteo scrivesse sul mio Blog erano mesi che gli chiedevo di scrivere per NOI….

Nel profondo del mio cuore speravo che il suo primo articolo fosse proprio questo, quando me lo fece leggere una sera d’estate a Modena sono stato qualche munito con le lacrime agli occhi, perché per Noi Romani trapiantati fuori dalla Città Eterna solamente sentirsi vicino a persone che ci vogliono bene e che riescono tramite le parole e le immagini a catturare tutto quello che Noi ci portiamo dentro in religioso silenzio è qualcosa di unico e raro.
Matteo in un’altra vita era un poeta, un guerriero, un pittore, uno scultore, un filosofo, un musicista ROMANO e IO sono fiero di poter condividere con Lui tale sentimento……

Grazie Matteo un tuo carissimo AMICO……

tassi2

 

tassi22tassi18tassi21

 

tassi5

Trastevere e seggioline nella notte
Questo post non parla di cucina, non parla di barbecue e credo che, alla fine dei conti, non parli neppure…si esprime a gesti, come due amici che cercano di ordinare da bere in un locale rumoroso.
E’ una piccola fotocronaca di due emiliani a Trastevere.
Forse da piccoli avete visto qualche film, o cartone animato, dove c’era un americano che veniva spedito indietro nel tempo ai tempi della tavola rotonda, l’idea era di Mark Twain ma non è questo il punto.
Il punto è la scoperta, anzi la riscoperta, non di quello che Trastevere sia in realtà, ma la trasformazione dell’idea stessa di Trastevere nella mente, e attraverso una macchina fotografica, dei due emiliani in gita.
Le foto sono di Filippo Macchi, le parole provo a metterle io…l’atmosfera è quella di una Roma o di un idea di essa…e barista…2 gin tonic in fondo al bancone.

 

tassi17tassi15tassi13

 

 

tassi23La Roma che va di fretta e la Roma che aspetta con eleganza.

La Roma che lascia i feriti sul campo.

Quella che ama gli animali, sempre, e che a volte odia i padroni.

La Roma che di giorno non esiste.

Quella che fatica e spignatta per il cacio e pepe dei turisti.

 

 

 

tassi6…la Roma che si chiude in se stessa.

O che si apre come a respirare dopo un apnea di secoli.

La roma dei numeri pari sul lato dei numeri dispari…

…e la roma che accetta bene o male tutti, sia che cerchino fortuna in città…o in altre destinazioni…

 

 

 

tassi11La Roma spiata da una grata.

O vista dal basso come li cani…o li gatti.

La Roma con le seggioline dalla parte del torto, perché i posti di chi aveva ragione erano già tutti occupati.

La Roma di chi crede nell’amore.

 

 

 

tassi10…e di chi si artiglia ad un vessillo di fede.

La Roma di chi stà stretto in una piccola fessura.

…e di chi si gratta il sedere libero…senza vergogna e senza paura.

C’è la Roma di chi spera e parla del futuro.

E quella che il futuro lo vede piccolo e lontano.

 

 

 

tassi16…ma ancora lo vede…almeno.

A Roma, come in tutto il mondo, le scale hanno 2 vie…

…ma sembra sempre che  picchino verso l’abisso.

Ma se ci credi e hai fortuna, anche dietro l’angolo più cupo…

…una seggiolina dalla parte del torto la trovi sempre.

 

 

 

tassi3

 

Matteo Tassi (testi)

Filippo Macchi (fotografie)

 

 

 

 

tassi12tassi9tassi7

tassi19

tassi14

tassi24

tassi4

Sportedintorni di Stefano Annicelli

Il primo articolo di questo blog dedicato allo sport non poteva non essere dedicato che al calcio.

sport1Molti sono gli spunti per una discussione inerente lo sport nazionale:
Il campionato passato con la Juventus dei record, la sorpresa Roma ed il flop delle milanesi;
Il calciomercato e tutti i fantomatici scambi che ci propinano i giornali nelle loro pagine da riempire;
La stagione europea ed il suo epilogo con il derby di Madrid come finale Champions;
I mondiali appena finiti con la vittoria della Germania e la delusione dell’Italia;
La lotta per i diritti tv
Ma credo che per iniziare a parlare di calcio, si debba partire da ciò che realmente è la chiave portante: la passione delle persone.

Passione che porta milioni di persone a gioire, piangere, fare chilometri, abbracciarsi, conoscersi, tutto per 90’ di pura adrenalina.

sport2

È la passione e non gli interessi televisivi che fanno vedere una partita.

sport3

Anzi le tv se ne approfittano lucrando appunto sulla cosa più importante tra le cose futili, aumentando i prezzi, dividendosi le “esclusive” ed obbligando chi vuole assistere allo spettacolo ad avere le varie piattaforme. D’altronde reprimere la Passione lo fa anche chi gestisce gli stadi, mettendo i settori “popolari” a prezzi impopolari, non curandosi invece di rinnovare strutture fatiscenti o migliorarne il confort e la visibilità.
sport4

Sono stati definiti utenti, li hanno chiamati clienti, ma nessuno mai ha voluto vedere quel binomio, quel dualismo, quell’antitesi che fa contrapporre gli interessi alla passione, i soldi al cuore. E sono proprio quel cuore e quella passione che fanno svegliare alle 3 di notte per partire in una gelida mattina di inverno insieme ad altri “fratelli” incurante di freddo e pioggia, neve e gelo, che fanno fare centinaia di km per arrivare in uno stadio scoperto per vedere una partita, una squadra, 11 maglie, per portare in alto il vessillo della propria squadra, della propria città.
sport5

…e pensare che è proprio chi porta questa passione nel cuore che ne paga le conseguenze:
Caro biglietti, pay tv, tornelli e restrizioni varie, tessere per vedere partite in casa, per vederle in trasferta, per non vederle, strutture fatiscenti, nessuna di queste cose fermerà la Passione… Noi non supereremo mai questa fase!

Questo primo articolo non è un vero e proprio articolo, ma una dedica:

sport7A chi si fa 19 trasferte all’anno
Alle curve degli anni 70 e 80
A chi pressati dentro una macchina con altri quattro “animali” e con altri 500 km da fare si sente come un re sul trono
A tutte le tifoserie calde passionali, che non lasciano mai sola la squadra
A chi ritiene “febbre a 90” l’essenza del calcio
A chi quando suona la sveglia di notte e deve alzarsi per andare in trasferta, rimane un istante tra il tepore delle coperte e pensa: “dai che oggi vinciamo!”
A chi gioca ancora a Subbuteo
A chi di notte si rivede le cassette storiche
A chi da piccolo sognava di giocare con quella maglia e il numero 10 sulle spalle
A chi a 30 anni ancora ci spera
A chi ci ha lasciati con la Roma, la mia passione, nel cuore

Alla prossima…
Stefano Annicelli

Bollicineedintorni di Sara Tomei

Wine is… happiness, wine is… passion

Se dovessi descrivere il vino con 2 parole direi senza ombra di dubbio “ felicità & passione “
Se dovessi pensare ad un’immagine rappresentatrice di questo mondo , appaiono subito davanti a me 2 grandi occhi che sorridono mentre un calice di vino è pronto per essere assaporato

Happiness & Passion

Inizio a scrivere su questo blog senza alcuna pretesa , non m’interessa se 1, 10, 100 di voi sono in grado di riconoscere i profumi del gelsomino o della foglia di pomodoro , non m’interessa se non avete mai partecipato ad una degustazione o se siete degli aficionados di queste.

Scrivo su questo blog per trasmettere la mia passione , per provare a farvi capire che dietro a un calice di vino bianco o rosso o dietro al finissimo perlage delle bollicine , c’è un mondo , un mondo che, se volete , non finirete mai di scoprire , un mondo che parla di odori , sapori , fatica , condivisione , amicizie e sorrisi , un mondo che a me sta dando tanto e  che vorrei poter condividere con Voi.

saratomei2

Vi farò sedere alle tavole dei ristoranti della Toscana , vi farò degustare alla cieca insoliti vini , vi farò conoscere le “mie” enoteche di fiducia , quelle nelle quali sai quando entri ma non sai quando esci  e  vi farò entrare nelle case dei miei amici , quelle nelle quali sai come entri ma non sai come esci!

It’s the show time!

Con affetto!

Sara Tomei