Borgogna

Riflessioni scritte sulla mia Moleskine in treno durante uno dei miei innumerevoli viaggi…

È da qualche mese che Io e Francesco abbiamo deciso di iniziare questa collaborazione sul blog rivolta alla “Borgogna”, ogni volta che ci sentiamo al cellulare tra un km e l’altro mi ripeto sempre questa frase:

 -punto di approdo definitivo-

E’ per questo che sono rimasto affascinato dal suo lavoro e dalla sua passione per la Francia e in particolare della BORGOGNA, il nostro è stato amore a prima telefonata ( quando ci siamo sentiti la prima volta  al cellulare mi sembrava come se ci conoscessimo da anni, stesse idee, stesse passioni,  stessa voglia di cambiare il mondo enologico attorno a noi ), allora mi sono chiesto dai provaci, chiediglielo Massimo non esitare chiedigli di collaborare con Te sul Blog e non avere timore e Lui mi ha risposto: “SI”

Eccoci qui a condividere con tutti Voi la sua e la mia passione per una terra magnifica che ci ha cambiato la vita…
Buon viaggio a tutti!
borgogna2
Oggi nasce ufficialmente il progetto “Borgogna Mon Amour”, dopo una gestazione impegnativa ma appagante; l’obiettivo (e l’auspicio) è quello di aspirare a rappresentare, nel panorama dell’offerta di questa tipologia di prodotto, una proposta strutturata, eterogenea e di contenuto informativo.

Voglio, a questo proposito, rivolgere il mio più caloroso benvenuto ai visitatori, sperando che vogliate intraprendere con me un lungo viaggio, che comincia da oggi; un percorso evolutivo che vorrei condividere anche con l’ausilio dei vostri suggerimenti, pareri ed opinioni, che potrete esprimere negli spazi interattivi presenti sul sito. Questa iniziativa nasce dalla fatale attrazione per una regione, la Borgogna, che costituisce una realtà vinicola unica al mondo, per la sua singolare capacità di donare vibrazioni spirituali e, nelle sue massime espressioni, note di puro lirismo a coloro che si accostano e si lasciano travolgere dalla magia dei suoi vini. Questa regione è innegabilmente un punto di approdo (definitivo?) per l’appassionato del mondo enoico; una terra promessa che, nel corso di mille anni di storia, l’uomo ha avuto il pregio di saper prima ascoltare, poi decodificare ed, infine, assecondare, declinando i mille sospiri di suolo e sottosuolo di queste terre. La sedimentazione secolare delle tradizioni, che ha permesso l’affinamento delle metodologie di vinificazione e l’asseverazione dell’unicità pedoclimatica di ciascun climat, mediante l’interpretazione dell’anima di ciascun lembo di queste terre, hanno scolpito il noto concetto di  “esasperazione del terroir”; è proprio questa la variabile che strega l’eno-appassionato, che si impossessa dei suoi sensi, spingendolo alla ricerca, all’approfondimento di questo microcosmo ed, infine, al periodico desiderio di richiamare alla memoria “quella matrice di pinot noir e quell’accezione di chardonnay in purezza”; la magia risiede proprio nelle loro interpretazioni, che rendono i lieu-dits un grande puzzle, in cui ogni appezzamento possiede una storia da raccontarci ed un’accezione gustativa unica e propria, che lo differenzia da quelle del climatimmediatamente adiacente; c’è qualcosa di sacrale in tutto questo. Un aspetto mi ha colpito più di altri nella ricognizione di questo mondo: l’efficace connubio tra la rigida tradizione e la nouvelle vague modernista di cui si fa promotrice la nuova generazione divigneron che si sta affacciando sulla scena; questa efficace fusione denota come i viticoltori di questo eldorado vitivinicolo rifuggano ogni forma di immobilismo, evitando la tentazione di arroccarsi sull’autorevolezza della propria storia: questa è una terra di uomini sempre in vivido fermento, dinamici e lungimiranti, che non dimenticano i dettami delle loro gloriose origini ma che guardano al futuro rilanciando, con coraggio, la propria sfida all’eccellenza.

borgogna3
Una chiosa finale sulla scelta dei vini proposti in vendita: è orientata nella direzione di trovare un equilibrio tra i due estremi accennati, tradizione e modernità, bypassando, almeno per il momento, realtà apicali che hanno scavato un divario economico incolmabile con la media delle aziende della regione: mi riferisco, ovviamente, ai fuoriclasse diVosneRomanée (tranne un’incursione, ce la siamo concessa, negli Echèzeaux). Sono certo ci sia una Borgogna per tutti: ho optato per quella accogliente, ospitale, artigiana e rurale, che ben rappresenta l’essenza di questa meravigliosa terra.

borgogna4

Un augurio di una buona navigazione.

Francesco Bisaglia
366.2924728
francesco_bisaglia@virgilio.it
www.borgognamonamour.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.