Articoli

Ristorante Marconi…

Bologna 06.05.2017 Una serata indimenticabile…

Aurora Mazzuccelli:
Ho scelto di infilare la giacca da cuoco nello stesso modo con cui ogni giorno scelgo cosa sono e cosa voglio diventare: sentendo di “appartenere”. A me stessa, a qualcuno, alle idee che mi attraversano.


Massimo Mazzucchelli:
Far vivere emozioni. Questo è il mio impegno, il lavoro che ho scelto. Cerco di avere un approccio positivo alle persone: ascolto, sospendo il giudizio, interpreto i loro desideri.


@ristorante_marconi (BO)

@aurora.mazzucchelli Chef e @massimomazzucchelli… 

Ecco il menù che abbiamo degustato ieri sera… 


È un viaggio enogastronomico unico nel panorama della Ristorazione Italiana, la cucina di Aurora è un viaggio sensoriale che ti colpisce al cuore… 

Colori, Sapori, Profumi sono solo alcune delle sensazioni che si provano durante tutto il viaggio delle 8 portate al tavolo, in sala Massimo riesce ad abbinare in maniera sublime vino e cibo con eleganza e professionalità… Credo che Aurora e Massimo siano complementari come lo yin e lo yang come il giorno che si tramuta in notte e la notte che si tramuta in giorno…

Ecco il menù…




Ecco cosa abbiamo degustato ieri sera…

Il primo impatto al calice rimango sbalordito, il colore è un giallo paglierino dai riflessi dorati. I profumi ricordano gli agrumi, la salvia, alcune erbe aromatiche, la frutta esotica, ed una sapida/verticale roccia bianca. Al naso un’inconfondibile nota fumè conferita dalla sapiente gestione dei piccoli legni che personalizza e delinea il profumo del vino…
Sapidità, freschezza diretta e diritta, che invoglia alla beva. Un calice tira l’altro nel quale ci si torna sopra volentieri.

Un vino dotato di eleganza e complessità, è stata veramente una grande sorpresa.

Da tempo non assaggiavo un pinot bianco così buono. Regione: Emilia Romagna Colli Bolognesi

Vitigno: 100% Pinot Bianco                            

💛#vinoemozionante…

Giallo carico dai riflessi lievemente dorati. Mandorla e nocciola, frutta bianca matura, aromi floreali intensi e persistenti… Anche al palato il gusto è pieno, deciso, secco ed asciutto per quanto grasso ed opulento. Potente, avvolgente e minerale chiude in un finale lunghissimo grazie alla sapidità pronunciata e alla straripante freschezza.

Regione: Friuli Venezia Giulia.

Vitigno: Tocai Friulano e Ribolla Gialla. 🔴🔴🔴#vinosplendido…


Grazie Massimo per avermi fatto scoprire questi splendidi vini!
Sono stati 8 🥄#piattiemozionanti e due grandissimi Vini 🍷
#nonsifiniscemaidimangiare #nonsifiniscemaididegustare con #labelleepoque #FabianiTheWine #lacittagolosa…


Alla prossima!!!

🖋: Massimo Fabiani

📷: Massimo Fabiani alcune immagini sono dei rispettivi proprietari.

www.massimofabiani.com

Sir Winston Churchill…

Perché intitolare una articolo sul vino a Sir Winston Churchill?

Perché il famoso Primo ministro Inglese, oltre  ad essere stato un grande statista e un formidabile stratega era anche un grande appassionato di “Bon Vivre”
Seduto alla sua scrivania nei sotterranei di Whitehall il primo ministro usava prendere le decisioni che hanno modificato il corso della storia in compagnia dell’immancabile sigaro e di un bicchiere di Cognac o Champagne.

La sua passione è stata talmente forte che sia a Cuba che in Francia si è voluto celebrare il grande statista intitolandogli Sigari e Champagne.

Il mondo dei sigari rende tributo al primo ministro veramente in moltissime occasioni.

Bolivar Churchills, H. Upmann Sir Winston, Hoyo De Monterrey Churchills, Partagas Churchill de Luxe, Punch Churchills, Romeo y Julieta Churchills, Saint Luis Rey Churchills…

In Francia, invece, ci ha pensato una Grande Maison di Champagne a rendere omaggio alla memoria del grande statista, nel 1975 nel decimo anniversario della morte, Pol Roger gli ha titolato la sua cuvèe de prestige:

“Pol Roger Sir Winston Churchill Brut Millèsime”.

Prodotto nelle migliori annate da una selezione di Pinot Noir e Chardonnay esclusivamente da vigneti classificati Grand Cru. Uno Champagne energico, ampio, freschissimo, dal perlage perfetto, aromatico e sapido. 
Quindi quale sigaro abbinare al millesimo 1999? 

Io suggerisco un abbinamento con un Romeo Y Jiulieta Churchills che, si dice, fosse il preferito del primo ministro.

Il sigaro, indubbiamente uno tra i più famosi e rappresentativi della selezione Cubana,  si presenta alla vista di ottima manifattura, setoso al tatto, abbigliato di una anilla Oro e Nera; molto aromatico con note speziate, legno, terra, pepe e un sentore di vaniglia.
Lo champagne a giusta temperatura rinfresca la bocca mentre la bollicina pulisce lasciando il palato pronto ad un’altra boccata di fumo…

 

 

Champagne…

“In victory we deserve it, in defeat we need it! Champagne… 

Nella vittoria si merita, nella sconfitta ne abbiamo bisogno” 

Parole sante… Sir Winston 

 

Il fumo nuoce gravemente alla salute.

Tutte le immagini riportate sono dei leggittimi proprietari.

Scritto da Flaviano Lenzi.

Parla Carlo Cracco: cosa succede dopo l’addio a Masterchef Italia.

8 marzo 2017

di Conte Garozzo

Lo ha dichiarato a Identità Golose: Carlo Cracco abbandona la cucina di Masterchef Italia, quella dei riflettori, quella che gli è valsa amore e odio (dipende dai punti di vista) quella del gossip e dei pettegolezzi. 

Carlo Cracco non è un vero chef; Carlo Cracco non sa cucinare; Carlo Cracco di qua,Carlo Cracco di là: sul cuoco vicentino due stelle Michelin se ne sono dette tante. È il caro prezzo della mondanità, della gloria televisiva, che molto ti dà e altrettanto ti nega. Il suo è un addio che sa di rivalsa, quasi a voler gridare:sono un grande chef e voglio dimostrarlo ai fornelli, lontano da rumors e chiacchiericci. Molte quindi le novità nella sua vita professionale, prima tra tutte l’apertura della nuovissima e scintillante insegna milanese all’interno della Galleria Vittorio Emanuele. L’ho incontrato, sempre curato e con il suo inconfondibile aplomb, proprio durante Identità Golose. Una piacevole chiacchierata tra due vecchi amici, più che un’intervista vera e propria.

Sei diventato Ambasciatore del Gusto, l’associazione nata con lo scopo di valorizzare le eccellenze della gastronomia italiana. Cosa significa questo per te?

È un modo per cercare di fare squadra tutti insieme, dedicato ai cuochi indipendentemente dal ristorante o dal posto di lavoro dove si opera. È forse la prima associazione rivolta completamente alle persone che questo mestiere lo fanno (che quindi sono titolate a parlare) per cui ci sono cuochi che arrivano dall’estero, cuochi italiani, tutti quelli che si riconoscono in queste caratteristiche e che portano avanti con grande orgoglio tutto il Made in Italy.

Bisogna fare squadra, quindi. Quali sono i punti fondamentali per riuscirci?
Per fare squadra bisogna scegliere una persona, nella fattispecie Cristina Bowerman, che porti avanti un progetto. Lei si è fatta carico di tutta l’enorme responsabilità ma con un progetto, appunto. Noi dobbiamo sostenerla, dobbiamo cercare di fare tutta la nostra parte, mandando avanti lei che si è presa quest’onere. L’altro punto fondamentale per fare squadra è quello di rimanere uniti, cioè cercare di capire quali siano le nostre esigenze, quali i punti da valorizzare di più rispetto ad altri, fare un programma. Dopodichè metterlo in atto: questo è fare squadra e non andare in giro sparpagliati. Noi siam bravissimi, tutti, ma se riuscissimo a farlo in modo compatto avremo molta più forza.

Il tema di quest’anno a Identità Golose è il viaggio: contaminazione come integrazione?
La differenza non la fa chi utilizza elementi venuti da ogni parte, tanto per usarli, ma è riuscire con la nostra cultura, con la nostra sensibilità, a vederli con occhi diversi in modo che si integrino con i nostri ingredienti. Se qualcuno mi dice che il prodotto italiano per definizione è il pomodoro, io rispondo che il pomodoro in realtà non è nostro, lo è diventato perché ha trovato chi lo ha valorizzato e lo ha fatto diventare Il Pomodoro.

Durante il tuo intervento in Auditorium hai detto delle cose bellissime: “Comprare libertà, comprare un sogno, costruire il futuro”. Per questi ragazzi è l’esortazione a lanciare il cuore oltre l’ostacolo?
Sì, andare oltre. Non tanto oltre l’ostacolo, in quanto l’ostacolo ci sarà sempre, ce ne sarà sempre uno più alto, ma è cercare d’immaginarsi qualcosa di lontano e di non immediato. Spesso e volentieri i ragazzi hanno questa fretta che li porta a bruciare i tempi e, invece, devono cercare di avere più pazienza, di vedere più lungo e cercare di aspettare magari un attimino in più, perché quella attesa farà sì che tutto sarà migliore.

Parliamo di novità. Iniziamo con la prima, la più attesa: lasci lo storico ristorante Cracco in Via Victor Hugo a Milano per lo splendido progetto in Galleria Vittorio Emanuele. C’è nostalgia?

Nostalgia c’è, senza dubbio! Diciassette anni lì non sono pochi. C’è una cucina pazzesca, disegnata, fatta su misura, c’è tutta una serie di cose per cui fai fatica a lasciare. Però, se alla fine vuoi andare avanti, crescere e avere un futuro, e far sì che questo futuro sia sostenibile, devi comunque vedere oltre, cercare d’immaginarti cosa sarà la cucina tra cinque anni, sei anni; dovrà sicuramente essere questa nuova espressione, una casa dove riuscire a fare tutto quello che vuoi. Noi siamo cuochi e il ristorante è una delle espressioni, forse la migliore. Poi c’è il bar, il caffè, la pasticceria, cioè tutto quello che c’è intorno.

Terminiamo parlando del tuo addio. Mi riferisco, ovviamente, alla cucina di Masterchef Italia: quella di giovedì sarà la Tua ultima puntata. Sei edizioni sono tante, cosa ti ha dato e cosa hai dato tu al programma?
Masterchef è stata un’esperienza fantastica perché, comunque, all’inizio, eravamo veramente tre pellegrini. Ci siamo impegnati, abbiam creduto che al fatto che potesse diventare qualcosa di bello e alla fine ci credi e ci metti molto del tuo. Il risultato finale non è tanto la popolarità, che ti aiuta tantissimo ma è pur sempre un effetto mediatico, ma il fatto che ti regala tutta quella parte bella del nostro Paese e dei nostri prodotti, che lì vanno in scena. È vero, non è che si vedano tantissimo, la gente si sa vuole la storia; però intanto noi ogni anno giravamo posti diversi, andavamo a conoscere prodotti diversi, produttori diversi, per cui alla fine è un’esperienza che ti dà tantissimo. È un ripasso per noi, un aggiornamento. Un’esperienza unica, davvero difficile da replicare.

Nel frattempo si aprono i sondaggi: chi sarà il degno sostituito di Cracco? Chi si farà carico di tanto dovere? Competere con lo charme di Carlo non è cosa da tutti. Si vocifera un cambiamento radicale, una donna tra i giudici, un altro grande chef: Antonia Klugmann. Non ho osato chiederlo a Cracco: mi avrebbe sorriso beffardo. Le regole di Masterchef sono anche queste.

www.agrodolce.it

Tutti i marchi e i loghi riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

Grazie di cuore a Giuseppe Garozzo Zannini Quirini Il Conte di Masterchef…

Marconi Ristorante…

Scritto da Leonaedo Tozzi  e Massimo Fabiani…

Dal 1983 ai giorni nostri…

L’Aurora in Cucina  potenza & leggerezza.

Volete fare un super pranzo? Lasciate per qualche ora la città, dimenticate la bulimica teoria di inaugurazioni di locali e localini e rifatevi gli occhi e la bocca imboccando la variante di valico dell’A1 per raggiungere in un’oretta Sasso Marconi. 

Qui, alle porte di Bologna la grassa, storica capitale del mangiar bene italiano, le nebbie dell’Appenino si diradano all’improvviso su un moderno resort. Di fronte bottega gastronomica, Mollica; accanto ristorante Marconi, dove siamo venuti alla scoperta insieme a Flaviano Lenzi, Massimo Fabiani di Champagne A. Bergère-CantinAmena e Lorenzo Costa del Ristorante Oltre, della cucina di Aurora e Massimo Mazzucchelli

Una storia di famiglia iniziata negli anni ottanta e “svoltata” nel 2000 quando i due fratelli, lui in sala, lei in cucina, hanno dato vita ad un nuovo corso del ristorante di famiglia, premiato otto anni dopo dalla prima stella Michelin, apripista di una serie di importanti e meritati riconoscimenti.

Il locale è rinnovatissimo, essenziale, esemplare nel design, illuminato dalla luce naturale delle grandi vetrate che si affacciano sul giardino, arredi lineari in rovere: la scena deve essere tutta per i piatti. Che sanno conquistarsela, eccome.

La cucina di Aurora ha radici nel territorio, ma soprattutto negli ingredienti che ama scegliere e proporre. Quindi, per favore, non parliamo di cucina bolognese rivisitata. Parliamo invece di cucina del territorio di oggi. Per gusto, cotture, alimenti, scelte, potenza, si, potenza nella leggerezza.

Inizia il viaggio…

Esordio clamoroso con una raffica di cinque piatti-assaggio fa-vo-lo-si. 

Aringa, gelato d’aringa, puntarelle, mandarino e gamberi rosa crudi. Capasanta, burro acido e alghe rosse. Ecco – segnatevelo – il Capo Finisterre: piovra, percebes, limoni di mare e semi di coriandolo. Cervo, cavolo nero, melagrana e bacche di rosa canina. 

Già sedotti, complice la sfilata di Champagne A. Bergère che ispira questo lauto pranzo – siamo partiti con il Nature 100% Chardonnay e con il Selection 50% Chardonnay e 50% Pinot Nero abbinati in maniere sublime ai cinque antipasti – aspettiamo un classico di Aurora, i maccheroni al torchio, anguilla affumicata, ostriche crude e spinaci. La pasta croccante entra in contrasto esplosivo con il piatto: da non perdere. Della serie “non farsi mancare niente” seguono i cappellacci di zucca, succo di mela e foie gras a scaglie. L’abbinamento scelto da Massimo Fabiani, ambassador della Maison di Eperbay, è stato Blanc de Blanc e al Blanc de Blancs Gran Cru: entusiasmanti.

C’è ancora spazio – le porzioni sono ridotte, la leggerezza è ovunque – per godere di due secondi. Agnello, pancia cotta sulla pietra e carciofi (una cottura antica, a forno spento) e lo squisito Germano, mela, cicoria e acciuga.

Qui siamo passati al Tentation 75% Pinot Nero e 25% Chardonnay.

Colpo finale il dessert, autentica sorpresa, sapori inediti: raviolo d’ananas ripieno di ricotta, caviale di caffè, uvetta e pinoli. 

Abbiamo concluso il nostro viaggio con il top della gamma, il “38.40”, 100% Chardonnay un prodotto unico come il suo nome.

Applausi, sipario.

Ristorante MARCONI s.r.l. 

Via Porrettana n.291  40037 Sasso Marconi (BO) 

ITALIA 

Tel. +39 051 846216 

E-mail: info@ristorantemarconi.it

I percorsi: 5 piatti 65 euro, 8 piatti 85, bevande escluse.

Foto scattate da Massimo Fabiani

www.firenzespettacolo.it

www.bolognaspettacolo.it

www.labelleepoque.wine